Tuffarsi nella cultura attraverso tradizioni, storia, archeologia e architettura

La natura è anche storia, la memoria di un passato che appartiene a ognuno di noi. Lasciate lo spazio alla vostra curiosità!

Passeggiando nel paese di Alleghe si respira l’intreccio tra storia e antiche tradizioni. Nelle vie del centro convivono insieme tracce dell’antica Repubblica di Venezia e dei fienili di un tempo, i tabià. La chiesa di San Biagio è un esempio di architettura gotica e al suo interno si possono ammirare opere d’arte quali la Madonna di Loreto, scolpita in legno di tiglio, risalente al 1570, la statua di San Biagio, modellata nella pietra nel 1400 e diversi dipinti del Settecento.

Vivere Alleghe significa anche cogliere l’opportunità di incontrare testimonianze storiche uniche al mondo: il Museo della Grande Guerra in Marmolada, le orme di dinosauro nel Monte Pelmo, il museo Vittorino Cazzetta nel quale è conservato lo scheletro, completo del suo corredo funerario, dell’ “Om di Mondeval”, il più importante ritrovamento mesolitico ad alta quota al mondo.

La nostra è la cucina della terra dolomitica, caratterizzata da ingredienti genuini, sobria, semplice ed essenziale ma non per questo povera. Deliziosi primi piatti a base di verdure, legumi e frutti del bosco: minestre con fagioli, ortiche, funghi, orzo oppure i casunziei e il riso accompagnato da zucca o latte d’alpeggio. Nelle seconde portate a farla da padrone è il pastin, tradizionale impasto di macinato non insaccato e arricchito da spezie e aromi servito cotto alla brace, in padella o crudo.

“La grande ricchezza di una cucina povera”

DI COSA NON PUOI FARE A MENO?
Aria pura e i casunziei di patate che fa mia suocera, un piatto semplice finito con burro di malga e ricotta affumicata. Un piatto della tradizione, fatto con ingredienti poveri ma un bell’esempio della ricchezza di Alleghe.

QUAL È IL SEGRETO MEGLIO CELATO AD ALLEGHE?
La leggenda del campanile sommerso del lago di Alleghe. Si narra che dopo la grande frana del 1771 l’antica chiesa fosse stata sommersa dalle acque del lago e che in alcuni periodi dell’anno si possa ancora avvertire il rumore delle campane in lontananza.

Cristian Rudatis, Commerciante, Alleghe since 1978